La peste e le cavallette no?

danger.jpg

 

Se dovessi dare retta a quello che scrivono sul sito della Farnesina, farei meglio a chiudermi in casa rinunciando a partire.

 

Nel Paese si verificano spesso gravi calamità naturali: maremoti, terremoti, eruzioni vulcaniche ed alluvioni.

A seguito dei gravi attentati si raccomanda altresì di mantenere elevata la soglia di attenzione in considerazione del possibile rischio di atti di natura terroristica, anche ai danni di istituzioni o di strutture occidentali e di luoghi frequentati da stranieri, ivi incluse rinomate località turistiche.

In particolare, si consiglia di evitare luoghi di ritrovo affollati, frequentati dai turisti occidentali quali bar, centri commerciali, discoteche o locali notturni, nonché eventuali manifestazioni ed assembramenti.

A causa della delicata situazione politica e delle tensioni separatiste, sono inoltre sconsigliati viaggi nelle altre aree a rischio del Paese.

Si consiglia di verificare scrupolosamente l’affidabilità delle compagnie aeree del Paese, anche consultando il sito dell’ENAC.

Molti animali sono infetti dal virus della rabbia (cani, gatti, scimmie ecc.) il cui contagio ha provocato già alcuni decessi. Le Autorità sanitarie locali hanno avviato una vaccinazione di massa per prevenire il diffondersi del virus.

Il paese infine figura tra i quelli che sono stati maggiormente interessati dall’influenza aviaria (virus H5N1). Le persone colpite da influenza aviaria dal 2007 sono 178, inclusi 146 decessi. I malati erano stati a contatto con volatili infetti.

La peste e le cavallette no?ultima modifica: 2011-08-09T15:53:00+02:00da massimoko
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento